Come si Fa a Scegliere un Buon Divano Angolare

Quando abbiamo scelto di acquistare un nuovo divano, sapevo perfettamente cosa cercavo e cosa assolutamente avrei evitato.

Avevo già un divano molto comodo, ma purtroppo la scelta del rivestimento è stata totalmente sbagliata: avevo optato per l’ecopelle. Dopo soli 4 anni di utilizzo sporadico il rivestimento ha iniziato a “sgretolarsi” giorno dopo giorno, ed ormai ritrovavo pezzi di tessuto per terra in continuazione.  Inoltre non volevo un divano letto, perché solitamente molto ingombranti, ma qualcosa che si potesse facilmente adattare a letto in caso di necessità.

Abbiamo anche valutato un nuovo rivestimento, ma considerando i prezzi, alla fine abbiamo optato per un nuovo divano più moderno, più grande e più funzionale per il nuovo appartamento.

Sono una persona indecisa anche quando al supermercato devo scegliere quale salsa acquistare ed è quindi scontato dire che, abbiamo girato moltissimi negozi di divani, ma con questo è stato amore a prima vista.

Modello e Misure

Il mio è un divano angolare, modello Nibbio, di Poltronesofà. Ha dimensioni abbastanza generose: 287 cm di lunghezza, 251 cm nella parte angolare (compreso di pouf), 113 cm di profondità e 93 di altezza.

Per il rivestimento questa volta ho optato per il tessuto e per la microfibra. Nella parte delle sedute ho scelto un tessuto a trama larga nel color. Grigio nuvola e per la struttura la scelta è ricaduta invece sulla microfibra nel colore bianco ottico.

Caratteristiche del Divano

Ha un aspetto molto moderno e funzionale grazie ai piedini in metallo cromato dell’altezza di 11 cm che permettono di poter pulire la parte sottostante facilmente e soprattutto senza doverlo spostare periodicamente.

I cuscini, posizionati nella parte lombare, sono totalmente removibili, anche in questo caso molto comodi a livello di pulizie ma anche pratici ogni qualvolta si decida di sfoderarlo.

I poggiatesta sono invece regolabili a più altezze, con la possibilità di reclinarli totalmente anche in posizione orizzontale, donando al divano anche un aspetto diverso con pochi e semplici passaggi.

Il Pouf

Il pouf è stato l’elemento in più che mi ha fatto innamorare totalmente di questo divano.

Si tratta di un pouf staccato dal resto del divano che può essere quindi spostato in maniera pratica e veloce ogni volta che, per un qualsiasi motivo, hai bisogno di spazio.

È inoltre contenitore ed io personalmente lo utilizzo per riporre all’interno tutti i miei plaid o teli multiuso.

Le sue dimensioni sono: 63 cm di larghezza, 113 cm di profondità e 46 cm di altezza.

Funzionalità

Vi avevo anticipato all’inizio che non desideravo un divano letto, ma qualcosa che potesse trasformarsi in esso all’arrivo di un ospite improvviso.

Grazie al pouf staccato dal resto del divano e ai cuscini lombari completamente staccabili, è possibile affiancarlo alle sedute, trasformandolo in un comodo letto. Il pouf è davvero molto robusto e non vi è quindi possibilità che si stacchi improvvisamente.

Questa soluzione la utilizziamo molto anche quando decidiamo di guardare comodamente un film seduti sul divano insieme a tutta la famiglia.

Per finire, ma non meno importante, è la comodità del divano angolare. È risaputo che la comodità è molto soggettiva: c’è chi preferisce una seduta più rigida e chi una più morbida. Questo è sicuramente una via di mezzo, comodo per tutta la famiglia e che mi fa venir voglia di stendermi anche solo guardandolo.