Vai al contenuto

Agevolazioni Fiscali sui Mutui Prima Casa

    L’acquisto della prima casa rappresenta per molte persone, soprattutto per le giovani coppie, un passo molto importante, una tappa delle vita che simboleggia il coronamento di un primo periodo di lavoro e di sacrifici. Molte coppie che decidono di metter su famiglia e quindi di garantire ai propri figli un’abitazione confortevole si trovano alle prese con la possibilità di accendere un mutuo in banca per l’acquisto della prima casa.

    Agevolazioni Fiscali sui Mutui Prima Casa

    Vediamo, quindi, quali sono le fasi previste per la richiesta e l’ottenimento di un mutuo per l’acquisto della prima casa. Va subito chiarito il fatto che per l’acquisto della prima abitazione sono previste alcune agevolazioni fiscali introdotte dallo Stato per venire incontro alle esigenze delle famiglie. La prima cosa da fare quindi, secondo gli esperti del sito Portale Bancario, è conoscere e scegliere le condizioni più vantaggiose per la propria personale condizione lavorativa ed economica.

    Le banche offrono una vastissima gamma di mutui e finanziamenti ed è piuttosto difficile districarsi in questa giungla dei mutui. E’ importante valutare bene la cifra da richiedere e calcolare correttamente la rata, in modo da capire subito se è alla portata delle proprie tasche e quanto le eventuali spese e commissioni andranno ad incidere sull’importo da restituire alla banca. Successivamente è importante scegliere il tasso di interesse più adatto alle nostre possibilità finanziarie. E’ importante ricordare che i tassi possono essere fissi, variabili o variabili con opzione. Infine, è necessario che la banca sia in grado di presentare un resoconto dettagliato su tutte le caratteristiche del finanziamento scelto, con particolare attenzione ai costi totali e alle varie spese che sono legate al mutuo stesso.

    Per poter accedere ad un mutuo il richiedente dovrà avere la residenza (o eventualmente fissarla entro 18 mesi dall’acquisto della casa) nel comune in cui si trova l’immobile da acquistare o nel comune nel quale presta la propria attività lavorativa. L’acquirente deve, inoltre, dichiarare di non possedere nessun altra casa nello stesso comune e di non aver già usufruito delle agevolazioni riservate all’acquisto della prima casa.